Scienzaonline - Ultimi Articoli

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

26 Gennaio 2023

Anche i fiumi ‘respirano’, giocando un ruolo centrale nel ciclo...

Con i fondi de PPNR le scuole potranno trasformare i loro cortili in aule natura 4.0

Con i fondi de PPNR le scuole potranno trasformare i loro cortili in aule natura 4.0

25 Gennaio 2023

Il progetto Aule Natura del WWF Italia, che in due...

Per scoprire se il quadro è falso ora c’è la chimica

Per scoprire se il quadro è falso ora c’è la chimica

23 Gennaio 2023

Le professoresse Degano e Colombini dell’Università di Pisa hanno curato...

A Melka Kunture (Etiopia), il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa

A Melka Kunture (Etiopia), il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa

23 Gennaio 2023

La missione archeologica finanziata da Sapienza ha evidenziato la presenza...

Parkinson: individuate mutazioni genetiche che causano la malattia nel 5% dei pazienti

Parkinson: individuate mutazioni genetiche che causano la malattia nel 5% dei pazienti

20 Gennaio 2023

Mutazioni del gene TMEM175, fondamentale per il corretto funzionamento di...

Studio di UniTo scopre un nuovo gene responsabile dell'autismo

Studio di UniTo scopre un nuovo gene responsabile dell'autismo

19 Gennaio 2023

La prestigiosa rivista Brain ha pubblicato il lavoro internazionale, guidato...

Covid e trombosi: uno studio italiano coordinato da Sapienza scopre un recettore causa di ictus

Covid e trombosi: uno studio italiano coordinato da Sapienza scopre un recettore causa di ictus

19 Gennaio 2023

La pubblicazione sulla rivista Circulation Research, giornale ufficiale della società...

L'effetto flipper degli atomi esposti ai raggi X alcuni vetri diventano fluidi

L'effetto flipper degli atomi esposti ai raggi X alcuni vetri diventano fluidi

18 Gennaio 2023

Lo studio pubblicato su «PNAS» dal team di ricerca guidato...

Mercoledì, 27 Aprile 2022

 

Nel giro di 50 anni le aree a disposizione di pernice bianca, fringuello alpino e altre specie di alta montagna potrebbero ridursi drasticamente a causa del cambiamento climatico: per la loro sopravvivenza è fondamentale e urgente la salvaguardia di alcune aree alpine che possono fungere da veri rifugi climatici. Lo studio condotto dal Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’Università Statale di Milano pubblicato su Global Change Biology.


La pernice bianca, lo spioncello, il sordone e il fringuello alpino, quattro specie di uccelli associate agli ambienti alpini e ai climi freddi che li caratterizzano, sono a rischio estinzione a causa dei cambiamenti climatici in atto negli ambienti di alta montagna sulle Alpi, dove gli effetti del riscaldamento globale sono più evidenti. Tuttavia, possono sopravvivere grazie alla salvaguardia di circa 15,000 km2 di rifugi climatici, ovvero aree che rimarranno idonee per queste specie a prescindere dal modello climatico considerato. Lo studio internazionale, coordinato da Mattia Brambilla ricercatore in Ecologia presso il Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’Università degli Studi di Milano, è stato appena pubblicato su Global Change Biology. La ricerca ha utilizzato modelli di distribuzione particolarmente accurati, realizzati grazie a decine di migliaia di dati di distribuzione relativi alla presenza di queste specie su tutto l’arco alpino, ottenuti da numerosi portali web di citizen science utilizzati da ornitologi professionisti e amatoriali. I modelli di distribuzione, basati su variabili climatiche, topografiche e di uso del suolo, sono stati “proiettati” su diversi scenari rappresentanti le condizioni attuali e quelle future, permettendo così di valutare le probabili variazioni nell’areale delle diverse specie.

Pubblicato in Ambiente
Mercoledì, 27 Aprile 2022 08:07

Mega tsunami nel Mediterraneo

 

Un deposito di sedimenti spesso fino a 25 metri presente nel Mar Ionio sembra essere il risultato di un forte tsunami avvenuto nel 365 d.C., originato a Creta e che ha coinvolto Calabria e Sicilia. Le caratteristiche di questo deposito hanno permesso di identificare altri due eventi più antichi avvenuti circa 15 e 40 mila anni fa. La ricerca coordinata dal Cnr-Ismar è stata pubblicata su Scientific Reports

 Uno studio condotto dall’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche di Bologna (Cnr-Ismar) ha ricostruito le tracce di uno tsunami che circa 1600 anni fa ha colpito le coste del Mediterraneo, incluse Sicilia e Calabria meridionale. La ricerca riguarda un’area abissale nel Mar Ionio, tra l’Italia, la Grecia e l’Africa, dove un deposito di sedimenti marini che raggiunge i 25 metri di spessore è stato deposto in modo quasi istantaneo dalla forza catastrofica delle correnti indotte dall’onda di uno tsunami. Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports.

Pubblicato in Geologia

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery