Scienzaonline - Ultimi Articoli

Mortalità da ondate di calore nel Mediterraneo

Mortalità da ondate di calore nel Mediterraneo

10 Agosto 2022

Una ricerca pubblicata sulla rivista Global Change Biology coordinata da...

Battere il tumore sul tempo con la biopsia liquida: nuovo studio su "Nature Medicine"

Battere il tumore sul tempo con la biopsia liquida: nuovo studio su "Nature Medicine"

10 Agosto 2022

Lo studio interventistico “CHRONOS” per il carcinoma del colon-retto appena...

Gli antenati dei Neanderthal a Grotta Romanelli

Gli antenati dei Neanderthal a Grotta Romanelli

05 Agosto 2022

Gli ultimi studi condotti presso il sito preistorico di Grotta...

I bambini ascoltano e "prevedono" cosa gli riserva il futuro

I bambini ascoltano e "prevedono" cosa gli riserva il futuro

03 Agosto 2022

Pubblicato su «Scientific Reports» lo studio coordinato dall’Università di Padova...

COVID-19: il ruolo protettivo del microbiota intestinale nei bambini

COVID-19: il ruolo protettivo del microbiota intestinale nei bambini

01 Agosto 2022

Uno studio dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù caratterizza per la prima...

La memoria episodica dei delfini, così simile a quella umana, può aiutarci a capire l'evoluzione dei nostri ricordi

La memoria episodica dei delfini, così simile a quella umana, può aiutarci a capire l'evoluzione dei nostri ricordi

01 Agosto 2022

Lunedì 25 luglio è stato pubblicato, sulla prestigiosa rivista Current...

Femmine e maschi, ecco come ricordiamo

Femmine e maschi, ecco come ricordiamo

01 Agosto 2022

Uno studio sulle differenze nella memoria tra i due sessi,...

Sensore portatile rileva il virus del morbillo nella saliva

Sensore portatile rileva il virus del morbillo nella saliva

27 Luglio 2022

Piccolo come una moneta il dispositivo riesce a individuare il...

Lunedì, 11 Aprile 2022

Among living tetrapods, many lineages have converged on a snake-like body plan, where extreme axial elongation is accompanied by reduction or loss of paired limbs. However, when and how this adaptive body plan first evolved in amniotes remains poorly understood. Here, we provide insights into this question by reporting on a new taxon of molgophid recumbirostran, Nagini mazonense gen. et sp. nov., from the Francis Creek Shale (309–307 million years ago) of Illinois, United States, that exhibits extreme axial elongation and corresponding limb reduction. The molgophid lacks entirely the forelimb and pectoral girdle, thus representing the earliest occurrence of complete loss of a limb in a taxon recovered phylogenetically within amniotes. This forelimb-first limb reduction is consistent with the pattern of limb reduction that is seen in modern snakes and contrasts with the hindlimb-first reduction process found in many other tetrapod groups. Our findings suggest that a snake-like limb-reduction mechanism may be operating more broadly across the amniote tree.

Full article

Pubblicato in Scienceonline

 

I resti del più antico Homo sapiens “europeo”, rinvenuti nella grotta di Bacho Kiro oltre 45.000 anni fa, appartenevano ad individui geneticamente più simili alle moderne popolazioni dell’Asia orientale che agli europei moderni. Un nuovo studio ha cercato di risolvere questo mistero contestualizzando questi individui nell’ambito degli altri genomi eurasiatici del Paleolitico e analizzando congiuntamente genetica ed evidenze archeologiche.


La colonizzazione dell'Eurasia, da parte di Homo sapiens, è avvenuta attraverso almeno tre ondate di espansione a partire da un hub fuori dall'Africa. I resti umani rinvenuti nella grotta di Bacho Kiro (nell'attuale Bulgaria) ed analizzati circa un anno fa hanno mostrato un risultato sorprendente: questi individui erano geneticamente più simili alle moderne popolazioni dell’Asia orientale che agli europei moderni. Nonostante siano stati proposti vari scenari per spiegare la scoperta, questo risultato inaspettato ha finora sollevato più domande che risposte riguardo agli antichi movimenti di popolazione che potrebbero spiegare la presenza di individui con tali caratteristiche genetiche nell’Europa di 45.000 anni fa.


Un nuovo studio - pubblicato su Genome Biology and Evolution con il titolo “Genetics and material culture support repeated expansions into Paleolithic Eurasia from a population Hub out of Africa” - ha cercato di risolvere questo mistero da un lato contestualizzando questi individui nell’ambito degli altri genomi eurasiatici del Paleolitico e dall’altro analizzando congiuntamente genetica ed evidenze archeologiche. La ricerca è stata condotta dal Dr. Leonardo Vallini e dal Professor Luca Pagani del Dipartimento di Biologia dell'Università di Padova, in collaborazione con la Dr.ssa Giulia Marciani e il Professor Stefano Benazzi dell'Università di Bologna.

Pubblicato in Antropologia


Un nuovo studio firmato dalla Sapienza ha scoperto che il coinvolgimento di aree diverse del cervello nella memorizzazione, alla base del ricordo, è legato alla distribuzione nel tempo dell’apprendimento. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista PNAS
L’apprendimento migliora se un’esperienza viene distribuita nel tempo piuttosto che essere concentrata in un’unica soluzione. Questo vale nello studio, ma anche nell’ambito della pubblicità e di tanti altri aspetti della vita quotidiana.

Un team di ricerca della Sapienza ha svelato per la prima volta che la maggiore efficienza di un apprendimento ripartito nel tempo dipende dal fatto che il cervello utilizza circuiti cerebrali diversi a seconda della modalità di apprendimento, indipendentemente da ciò che deve essere appreso. Inoltre, i ricercatori hanno dimostrato che la stimolazione artificiale dei circuiti responsabili dell’apprendimento distribuito nel tempo si traduce in un miglioramento della memoria.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery