L’ULTIMO ANTENATO

27 Ott 2017 Comunicato stampa La Sapienza
738 volte

Il cranio dell'"uomo di Ceprano", ora restaurato digitalmente, potrebbe appartenere alla cosiddetta umanità di mezzo

 

Il restauro digitale dell’uomo di Ceprano – così viene chiamato un cranio fossile rinvenuto nel marzo 1994 in provincia di Frosinone – ha permesso il recupero dell’originaria struttura del reperto, che si è rivelata morfologicamente più simile alla cosiddetta “umanità di mezzo”, nota con il nome scientifico di Homo heidelbergensis. Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Scientific Reports, è coordinato da Giorgio Manzi del Dipartimento di Biologia ambientale, attuale direttore del Polo museale Sapienza, in collaborazione con diversi altri ricercatori e con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Roma, Viterbo ed Etruria meridionale. Il cranio, plasticamente deformato dall’azione dei sedimenti in cui si è fossilizzato, era stato ricostruito utilizzando i frammenti originali e facendo ricorso a una grande quantità di inserti di gesso per tenerli uniti fra loro. L’alterazione della morfologia originaria ha reso difficile ogni ulteriore modifica nella disposizione dei frammenti, lasciando irrisolta per anni l’interpretazione tassonomica del cranio di Ceprano.

L’accurato restauro digitale, avviato per salvaguardare l’integrità del reperto, è stato eseguito dal gruppo di ricerca in condizione di totale sicurezza per i resti originali. Si è fatto ricorso alla micro-tomografia computerizzata ad altissima risoluzione, effettuata presso il Centro internazionale di fisica teorica “Abdus Salam” di Trieste. Ciò ha permesso la “pulizia digitale” dalle inserzioni di gesso (impossibili da rimuovere tramite azioni meccaniche o chimiche) e la separazione virtuale dei frammenti che compongono il reperto fossile. Questi sono stati poi riposizionati con precisione, correggendo così anche i difetti riscontrati nelle precedenti ricostruzioni. Una volta indagati i processi che avevano portato a deformare plasticamente il cranio, alla nuova ricostruzione è stato applicato un algoritmo studiato appositamente per operare il procedimento inverso (retrodeformazione), recuperandone così la probabile morfologia originaria. Il risultato di queste articolate e sofisticate operazioni, è un’immagine del cranio di Ceprano molto più affine alla specie Homo heidelbergensis, che i dati paleoantropologici e paleogeografici indicano come l’ultimo antenato comune tra l’uomo di Neanderthal e la nostra specie, rappresentandone il morfotipo ancestrale. Fabio Di Vincenzo – primo autore della ricerca – ha dichiarato che “lavorare su un reperto di tale importanza scientifica è stato come cogliere una sfida impossibile lanciata direttamente dal più profondo passato della nostra storia evolutiva”. Antonio Profico, anche lui autore della ricerca, aggiunge: “l’importanza del presente studio sta anche nell’aver sviluppato metodologie innovative di restauro digitale, utilizzabili in questo e altri casi controversi dell’evoluzione umana per via dei danneggiamenti che i resti scheletrici possono aver subito dopo la deposizione”.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery