Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home

Vitamine e aminoacidi. Svelato il loro ruolo nelle cellule staminali

E-mail Stampa

Il team internazionale guidato dai ricercatori dell’Igb-Cnr ha svelato l’importanza di questi metaboliti nel destino delle cellule staminali embrionali. La scoperta, pubblicata su Stem Cell Reports può portare a risvolti applicativi importanti in campo oncologico e nella medicina rigenerativa

 

Vitamine e aminoacidi ricoprono un ruolo fondamentale nelle alterazioni epigenetiche, ossia nei meccanismi cellulari coinvolti nello sviluppo di malattie come il cancro. La scoperta, che promette risvolti applicativi in campo oncologico, arriva da un team internazionale coordinato dall’Istituto di genetica e biofisica 'A. Buzzati-Traverso' del Consiglio nazionale delle ricerche (Igb-Cnr) di Napoli, che ha coinvolto gli Istituti Cnr di chimica biomolecolare (Icb-Cnr) e di applicazioni del calcolo (Iac-Cnr), la Radboud University, Nijmegen (Olanda) e University of California, San Francisco (Usa). Lo studio è pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports.

 

Climate-Driven Permafrost Thaw

E-mail Stampa

 

Megaslumps in fluvially incised hummocky moraine, Peel Plateau, northwestern Canada.

 

In bitter cold regions like northwestern Canada, permafrost has preserved relict ground-ice and vast glacial sedimentary stores in a quasi-stable state. These landscapes therefore retain a high potential for climate-driven transformation. In their open-access GEOLOGY article published online on 7 Feb. 2017, Steven Kokelj of the Northwest Territories Geological Survey and colleagues write that climate-driven renewal of deglaciation and potential postglacial permafrost landscape evolution has major implications for predicting the nature and trajectories of northern landscape change and the cascade of downstream impacts.

 

I DOLMEN DELLA SICILIA

E-mail Stampa

Il dolmen di Monte Bubbonia

 

La Sicilia ha avuto una Preistoria talmente intricata, che risulta difficile orientarsi nel guazzabuglio di “Culture” che si sono succedute; e ciò per la sua posizione geografica, al centro del Mediterraneo, che le ha assicurato per millenni un ruolo alquanto dinamico, fatto di frequenti ondate migratorie da cui traspare sempre l'impatto tra due influenze: una mediterranea, di chiara matrice orientale, e l'altra europea, proveniente da nord-ovest e dalla stessa penisola italica.

Questo eterogeneo panorama si fa più chiaro a partire dalla fine del III millennio a.C., quando l'isola viene investita da un ulteriore movimento proveniente dall'Egeo e dalle coste anatoliche, che vi apporta nuove concezioni sociali, artistiche e spirituali. I segni di questo cambiamento si riconoscono nella necropoli di “Castelluccio” (tra Noto e Siracusa), che dà nome alla facies culturale più conosciuta e diffusa della Sicilia del bronzo antico (fine III millennio/prima metà II millennio a.C.). Le numerose tombe a “grotticella” scavate nelle pareti rocciose dei monti circostanti, documentano il culto dei morti, la pratica dell'inumazione collettiva, la devozione alla Madre terra.

 

 

L'empatia non è determinante nelle decisioni difficili

E-mail Stampa

COMUNICATO STAMPA
L’empatia influisce sulle reazioni emotive scaturite da decisioni difficili, ma non determina tali decisioni
Una ricerca SISSA ridimensiona la componente emotiva nelle decisioni morali

 

L’empatia e la capacità di comprendere e rendere esplicite le emozioni che proviamo non influiscono sulle nostre decisioni morali. Questo è quanto suggerisce un nuovo studio pubblicato sulla rivista Social Neuroscience e guidato dalla neuroscienziata della SISSA Marilena Aiello. Le nostre scelte non dipendono dalla nostra empatia. Quello che cambia, invece, è il coinvolgimento emotivo, più marcato nelle persone più empatiche. Soprattutto se si sceglie di prendere delle decisioni scomode pur di massimizzare il benessere comune.

 

 

Minor planet named Bernard

E-mail Stampa

An image taken from the Minor Planet Centre’s web applet (http://www.minorplanetcenter.net) showing the orbit of Minor Planet Bernardbowen



A minor planet in the Solar System will officially be known as Bernardbowen from today after Australian citizen science project theSkyNet won a competition to name the celestial body.

The minor planet was named by the International Centre for Radio Astronomy Research (ICRAR) in honour of their founding chairman Dr Bernard Bowen. Bernardbowen sits in the asteroid belt between Mars and Jupiter and takes 3.26 Earth years to orbit the Sun. The minor planet was discovered on October 28, 1991, and until now has been known as (6196) 1991 UO4. Based at ICRAR, theSkyNet has been running since 2011 and sees citizen scientists donating their spare computing power to help Australian astronomers uncover the mysteries of the Universe. Its 50,000-odd volunteers entered an International Astronomical Union (IAU) contest to name planets beyond our Solar System.
Project founders ICRAR also won the right to name a minor planet within our Solar System. Bernardbowen was one of 17 minor planets to be christened today.

 

Closer look at atomic motion in molecules may benefit biotech researchers

E-mail Stampa

 

A new technique enables scientists to break down the collective atomic motion in a molecule into elementary components. (Image: KTH Royal Institute of Technology)

 

Every molecule holds a complex landscape of moving atoms – and the ability to single out and examine individual nuclear vibrations may unlock to the secret to predicting and controlling chemical reactions. Now a new method, developed by researchers in Sweden, enables biotech researchers to do just that. The new method offers unprecedented detail in measuring molecular motion and energy – enabling better control and understanding of chemical reactions in the field of biotechnology research. The technique, which was recently published in Nature Communications, uses X-ray scattering to measure the specific movements of atoms in a molecule with extreme energy resolution.

 

Da un farmaco antipsicotico nuove speranze contro il tumore al pancreas

E-mail Stampa

 

 

Immagini: (Sinistra) Modello molecolare del farmaco (in grigio) in interazione con alcune strutture della proteina disordinata (in verde e arancio); (Centro) Diminuzione 'in vitro' della proliferazione delle cellule tumorali con l'uso del farmaco, comparata con l’uso di due tipici farmaci chemioterapici, o in assenza di trattamento. (Destra) Diminuzione 'in vivo' della crescita del tumore con l’uso del farmaco (dose di 10 mg/kg), comparata con una dose ridotta o in assenza di trattamento.

Da un farmaco antipsicotico nuove speranze contro il tumore al pancreas Il carcinoma del dotto pancreatico è il più comune tumore che colpisce questa ghiandola. Le sue percentuali di guarigione sono minime, non solo a causa delle difficoltà di una diagnosi precoce, ma anche per l’assenza di un trattamento farmacologico specifico. Nuove speranze giungono da uno studio pubblicato su Scientific Reports dall’Istituto di nanotecnologia del Cnr, sede di Rende (Cs), in collaborazione con un team di ricercatori francesi e spagnoli. Una molecola utilizzata da tempo per curare gli stati d’ansia si è rivelata utile ad interferire nell’attività di una proteina a struttura disordinata, coinvolta nei processi di sviluppo del tumore al pancreas

 

 

Study of Traditional Chinese Medicine Featured in Special HIV Cure Issue of AIDS Research and Human Retroviruses

E-mail Stampa

AIDS Research and Human Retroviruses

A special issue on progress toward a cure for HIV includes a description of a previously unreported study started in the early 2000s that describes AIDS patients currently ages 51-67 in good health. These nine individuals were treated with a unique formula of traditional Chinese herbal medicine (TCM) from 2001-2006 or longer, with or without occasional antiviral therapy added later. The fact that the patients currently have low or undetectable HIV in their systems is unexpected and intriguing, and suggests a potential promise of TCM as a functional cure for HIV/AIDS, as discussed in a Letter to the Editor in the special issue of AIDS Research and Human Retroviruses, a peer-reviewed journal from Mary Ann Liebert, Inc., publishers. The Letter to the Editor is available open access on the AIDS Research and Human Retroviruses website.

 

Lipid nanoparticles for gene therapy

E-mail Stampa

 

Lipid nanoparticles(UPV/EHU)

25 years have passed since the publication of the first work on solid lipid nanoparticles (SLNs) and nanostructured lipid carriers (NLCs) as a system for delivering drugs. So the European Journal of Pharmaceutics and Biopharmaceutics has prepared a special edition for which it asked the PharmaNanoGene group of the UPV/EHU-University of the Basque Country to produce a piece of work reviewing the application of SLNs and NLCs in gene therapy since the group’s significant contributions made in this area have been included in various international scientific publications.

 

Genes in albino orchids may hold clues to parasitic mechanism used by non-photosynthetic plants

E-mail Stampa

 

Genes in albino orchids may hold clues to parasitic mechanism used by non-photosynthetic plants (fig 2)

 

How do plants give up photosynthesis and become parasites? A research team in Japan are using comprehensive analysis of gene expression in albino and green orchids to investigate the evolution of parasitic plants. The research was carried out by Project Associate Professor SUETSUGU Kenji (Kobe University Graduate School of Science), Associate Professor KAMINAKA Hironori and Research Fellow MIURA Chihiro (Tottori University Faculty of Agriculture), Associate Professor YAMATO Masahide (Chiba University Faculty of Education), and Special Associate Professor SHIGENOBU Shuji (National Institute for Basic Biology).

 

BALLA DIPINSE - Paesaggi e figure 1907-1956

E-mail Stampa

 

 

BALLA DIPINSE - Paesaggi e figure 1907-1956

a cura di Fabio Benzi

Galleria Aleandri Arte Moderna

inaugurazione: domenica 26 febbraio 2017, dalle ore 11.30 alle ore 19.00

mostra: 27 febbraio-2 aprile 2017

orario: lunedi - sabato 9.00-18.00, domenica chiuso.

 

La Galleria Simone Aleandri Arte Moderna inaugura domenica 26 febbraio 2017 alle ore 11.00 presso lo spazio espositivo in Piazza Costaguti 12 a Roma (quartiere ebraico dell'Urbe), la Mostra Balla Dipinse dedicata alla produzione figurativa di Giacomo Balla. L'ambizioso obiettivo dell'esposizione è mettere in luce gli aspetti meno noti e non adeguatamente approfonditi dalla critica, del ritorno alla pittura di figura e paesaggio dell'artista, contestualmente alla sua più nota produzione futurista. Tale passaggio non rappresentò, inizialmente, l'uscita di Balla dal movimento di Marinetti, che fu successiva ed accuratamente indagata dal curatore, ma una coraggiosa ricerca d'avanguardia in seno al futurismo stesso.

 

Combating Iron in the Brain: Researchers Find Anti-Aging Micromolecule

E-mail Stampa

MicroRNA as anti-aging molecule in brain

The older we get, our brain ages. Cognitive abilities decline and the risk of developing neurodegenerative diseases like dementia, Alzheimer’s and Parkinson’s disease or having a stroke steadily increases. A possible cause is the accumulation of iron molecules within neurons, which seems to be valid for all vertebrates. In a collaborative research project within the consortium JenAge, researchers from the Leibniz Institute on Aging – Fritz Lipmann Institute (FLI) in Jena, Germany, and the Scuola Normale Superiore (SNS) in Pisa, Italy, found that this iron accumulation is linked to a microRNA called miR-29. This little molecule has so far been known to act as a tumor suppressor, hindering the proliferation of cancer cells. However, clearly, miR-29 also regulates whether or not iron can be deposited in neurons. Using the African fish Nothobranchius furzeri – the shortest-living vertebrate that can be kept under laboratory conditions – the team of Alessandro Cellerino showed a large increase of iron deposits in fish where miR-29 had been suppressed, which led to premature brain aging. In contrast, healthy fish showed the more miR-29 in their neurons, the older they were. Hence, miR-29 acts as a kind of anti-aging molecule during aging, inhibiting the accumulation of iron in neurons.

 

 

TECNOLOGIA

Il germanio mette il turbo ai...

Processori più veloci con il germanio. Lo rivela una ricerca realizzata dal Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca appena pubblicata su Nature Communications. Lo studio è stato finanziato da Fondazione Cariplo. Milano, 21 dicembre 2016 – Il germanio è...

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
BALLA DIPINSE - Paesaggi e figure 1907-1956

BALLA DIPINSE - Paesaggi e figure...

2017-02-19 11:57:07

EXIS vede il Sole che brilla

EXIS vede il Sole che brilla

2017-02-19 00:00:00

I DOLMEN DELLA SICILIA

I DOLMEN DELLA SICILIA

2017-02-18 12:28:00

Vitamine e aminoacidi. Svelato il loro ruolo nelle cellule staminali

Vitamine e aminoacidi. Svelato il loro...

2017-02-18 11:47:29

Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Statistiche

Tot. visite contenuti : 22405334

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

Chi è Online

 71 visitatori online

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information