Scienzaonline - Ultimi Articoli

Bambino Gesù: magneti al posto della chirurgia per riparare l'esofago

Bambino Gesù: magneti al posto della chirurgia per riparare l'esofago

03 Ottobre 2022

Utilizzata per la prima volta in Italia una tecnica innovativa...

Un gel lubrificante a base di muco animale efficace contro le infezioni virali

Un gel lubrificante a base di muco animale efficace contro le infezioni virali

03 Ottobre 2022

Una ricerca del KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma,...

Attestato il probabile uso di piante con effetti stupefacenti già in epoca preistorica

Attestato il probabile uso di piante con effetti stupefacenti già in epoca preistorica

30 Settembre 2022

Pubblicato su Scientific Reports, lo studio su un sito sommerso...

Gli uccelli stanno cambiando le proprie abitudini in risposta al cambiamento climatico

Gli uccelli stanno cambiando le proprie abitudini in risposta al cambiamento climatico

30 Settembre 2022

Uno studio dell’Università degli Studi di Milano ha analizzato il...

Ecco i "Megahalos": emissioni radio che si estendono per 10 milioni di anni luce

Ecco i "Megahalos": emissioni radio che si estendono per 10 milioni di anni luce

29 Settembre 2022

Grazie alle osservazioni del radiotelescopio LOFAR, un gruppo internazionale di...

Patogeni nelle acque potabili: in arrivo il biosensore economico e sostenibile che li rileva

Patogeni nelle acque potabili: in arrivo il biosensore economico e sostenibile che li rileva

29 Settembre 2022

Un nuovo studio del Dipartimento di Scienze e biotecnologie medico-chirurgiche...

I ragni granchio, inaspettate sentinelle della biodiversità

I ragni granchio, inaspettate sentinelle della biodiversità

26 Settembre 2022

La sperimentazione condotta al Centro di Ricerche Agro-Ambientali “Enrico Avanzi"...

Scoperta una molecola intestinale che aumenta il rischio di infarto e ictus: lo rivela una ricerca della Sapienza

Scoperta una molecola intestinale che aumenta il rischio di infarto e ictus: lo rivela una ricerca della Sapienza

26 Settembre 2022

Lo studio tutto italiano, pubblicato su Nature Reviews Cardiology, mette...

Mercoledì, 11 Maggio 2022

Materiali biopolimerici sottoposti a un processo di degradazione, rispettivamente in mare e sabbia, hanno mostrato tempi di degradazione comparabili a quelli di materiali non bio. L’esperimento ha coinvolto studiosi del Consiglio nazionale delle ricerche, dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e del Distretto ligure per le tecnologie marine Lo studio pubblicato su Polymers.
Se disperse nell’ambiente anziché conferite correttamente nel compost, anche le bioplastiche hanno tempi di degradazione molto lunghi, comparabili a quelli di materiali plastici non bio. Lo dimostrano i risultati di un innovativo esperimento condotto congiuntamente da Consiglio nazionale delle ricerche - coinvolto con l’Istituto dei processi chimico-fisici (Cnr-Ipcf) e l’Istituto di scienze marine (Cnr-Ismar), Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e Distretto ligure per le tecnologie marine (Dltm), con il supporto di Polizia di Stato-Centro Nautico e Sommozzatori La Spezia (CNeS).

Pubblicato in Ambiente

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery