Scienzaonline - Ultimi Articoli

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

I fiumi 'respirano': ecosistemi fluviali cruciali nel ciclo del carbonio

26 Gennaio 2023

Anche i fiumi ‘respirano’, giocando un ruolo centrale nel ciclo...

Con i fondi de PPNR le scuole potranno trasformare i loro cortili in aule natura 4.0

Con i fondi de PPNR le scuole potranno trasformare i loro cortili in aule natura 4.0

25 Gennaio 2023

Il progetto Aule Natura del WWF Italia, che in due...

Per scoprire se il quadro è falso ora c’è la chimica

Per scoprire se il quadro è falso ora c’è la chimica

23 Gennaio 2023

Le professoresse Degano e Colombini dell’Università di Pisa hanno curato...

A Melka Kunture (Etiopia), il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa

A Melka Kunture (Etiopia), il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa

23 Gennaio 2023

La missione archeologica finanziata da Sapienza ha evidenziato la presenza...

Parkinson: individuate mutazioni genetiche che causano la malattia nel 5% dei pazienti

Parkinson: individuate mutazioni genetiche che causano la malattia nel 5% dei pazienti

20 Gennaio 2023

Mutazioni del gene TMEM175, fondamentale per il corretto funzionamento di...

Studio di UniTo scopre un nuovo gene responsabile dell'autismo

Studio di UniTo scopre un nuovo gene responsabile dell'autismo

19 Gennaio 2023

La prestigiosa rivista Brain ha pubblicato il lavoro internazionale, guidato...

Covid e trombosi: uno studio italiano coordinato da Sapienza scopre un recettore causa di ictus

Covid e trombosi: uno studio italiano coordinato da Sapienza scopre un recettore causa di ictus

19 Gennaio 2023

La pubblicazione sulla rivista Circulation Research, giornale ufficiale della società...

L'effetto flipper degli atomi esposti ai raggi X alcuni vetri diventano fluidi

L'effetto flipper degli atomi esposti ai raggi X alcuni vetri diventano fluidi

18 Gennaio 2023

Lo studio pubblicato su «PNAS» dal team di ricerca guidato...

Mercoledì, 06 Aprile 2022

 

I glucocorticoidi, una classe di ormoni steroidei, giocano un ruolo fondamentale nell’alterare le funzioni cerebrali e rafforzare il bisogno compulsivo di queste sostanze. Ma la somministrazione di mifepristone – uno steroide sintetico antagonista – è in grado di contrastarne gli effetti Bologna, 4 aprile 2022 - In uno studio pubblicato su Molecular Psychiatry, rivista del gruppo Nature, un gruppo di ricerca internazionale ha indagato le origini neurobiologiche alla base dei comportamenti ossessivi e degli stati emotivi alterati che colpiscono chi è affetto da dipendenza da oppioidi. La nuova ricerca ha permesso di dimostrare che a giocare un ruolo fondamentale in questo senso sono i geni responsabili della sintesi di una classe di ormoni steroidei noti come “glucocorticoidi”. A partire da questo elemento, i ricercatori hanno inoltre messo in evidenza che la somministrazione di “mifepristone”, uno steroide sintetico, può essere utile per ridurre gli effetti della dipendenza.

Pubblicato in Medicina

 

La ricerca riguarda il tessuto adiposo bruno, che svolge una funzione anti-diabetica e termogenica, “bruciando” grassi, e che è poco attivo in individui obesi e/o affetti da diabete di tipo 2. Lo studio internazionale è coordinato da ricercatori dell’Università di Roma “Tor Vergata”, in collaborazione con colleghi del Consiglio nazionale delle ricerche, e pubblicato oggi su Cell Metabolism (Issue 4, Volume 34)

 

Il “tessuto adiposo bruno” è presente in grande quantità nel neonato, dove ha un ruolo essenziale nel mantenimento della temperatura corporea. È ricco infatti di “mitocondri”, organelli responsabili della produzione di calore, che viene generato attraverso l’azione di una proteina specializzata chiamata “termogenina”. Tale tessuto perde le sue caratteristiche con l’età, pur mantenendo una residua attività termogenica, che rimane molto importante nel preservare la salute metabolica. Per funzionare, infatti, il tessuto adiposo bruno utilizza le riserve di grassi immagazzinati all’interno degli adipociti o cellule adipose brune, il glucosio e altri lipidi che provengono dal flusso sanguigno, “bruciandoli” all’interno dei mitocondri per produrre calore. La sua attività porta quindi ad una dissipazione energetica e all’abbassamento dei livelli di glucosio e grassi nel sangue.

Pubblicato in Medicina

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew  - Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Scienceonline, Autorizzazione del Tribunale di Roma 228/2006 del 29/05/06
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

Photo Gallery