Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Scienze Naturali Malacologia Segnalazione di due nuove specie di Mathilda Semper, 1865 per il Mare Mediterraneo (Gastropoda, Heterobranchia, Mathildidae)

Segnalazione di due nuove specie di Mathilda Semper, 1865 per il Mare Mediterraneo (Gastropoda, Heterobranchia, Mathildidae)

E-mail Stampa
(0 voti, media 0 di 5)

Carlo Smriglio & Paolo Mariottini

Key words: Gastropoda, Heterobranchia, Mathilda letei, Mathilda bieleri, Taxonomy, Mediterranean Sea.

La famiglia Mathildidae Dall, 1889 comprende un piccolo gruppo gasteropodi marini, soprattutto di acque profonde, morfologicamente caratterizzati da nicchio allungato, turritelliforme, generalmente provvisto di protoconca iperstrofica e ornato da scultura costituita da cordoni spirali attraversati da costole assiali. Questi molluschi per abitudini alimentari sono associati ai cnidaria e la morfologia della conchiglia larvale, ne suggerisce una fase pelagica piuttosto lunga, motivo di una vasta distribuzione geografica.

Due nuove specie di Mathildae sono andate ad aggiungersi recentemente ai cinque rappresentanti del genere già conosciuti per il Mar Mediterraneo: Mathilda letei Prkic & Smriglio, 2007 e Mathilda bieleri Smriglio & Mariottini, 2007; di una terza specie ne è stata descritta solo la morfologia, in quanto il ritrovamento di un singolo esemplare, benché diverso dalle altre specie conosciute, non costituiva materiale sufficiente alla creazione di un ulteriore nuovo taxon.
Il genere Mathilda Semper, 1865 infatti era rappresentato da poche specie distribuite nel bacino mediterraneo: Mathilda cochlaeformis Brugnone, 1873, Mathilda coronata Monterosato, 1875, Mathilda gemmulata Semper, 1865, Mathilda quadricarinata (Brocchi, 1814), e Mathilda retusa Brugnone, 1873, tutte entità piuttosto rare, legate ai fondi coralligeni.
I due nuovi taxa sono stati inizialmente comparati anche con Mathilda barbadensis (Dall, 1889), specie amfiatlantica, recentemente segnalata in Mediterraneo per le coste toscane e Siciliane, ma una attenta analisi ha consentito di escluderne l’attribuzione, permettendo inoltre di ben caratterizzare quest’ultima specie, dubitandone infine della presenza in Mediterraneo. Infatti le segnalazioni di M. barbadensis per questo mare sembra siano da attribuire ad errate identificazioni, causate dalla difficoltà di interpretazione della scultura particolarmente elaborata degli appartenenti al genere.

Didascalie

Fig. 1 - Mathilda bieleri Smriglio & Mariottini, 2007. Olotipo, MZB27748.
Fig. 2 - Mathilda letei Prkic & Smriglio, 2007. Olotipo, MZB27749.
Fig. 3 - Mathilda sp. Collezione privata Smriglio-Mariottini (Rome, Italy).

 

SISTEMATICA
Famiglia Mathildidae Dall, 1889
Genere Mathilda Semper, 1865
Specie tipo (da seguente designazione di De Boury, 1883: 112): Turbo quadricarinatus Brocchi, 1814; Pliocene, Italia.

Mathilda bieleri Smriglio & Mariottini, 2007.
Il taxon è stato descritto sulla base del ritrovamento di 4 esemplari, tutti reperiti privi di parti molli, ma piuttosto freschi, provenienti da sedimenti dragati al largo delle coste laziali, Mar Tirreno centrale (41°51'N 11°28'E), e prelevati su un fondale adiacenti delle biocenosi a coralli bianchi (biocenosi CB, sensu Pérès & Picard, 1964) ad una profondità di 450-600 m., che quindi ne rappresentano il Locus typicus. L'analisi del sedimento ha fruttato numerosi frammenti di colonie di Desmophyllum cristagalli Milne Edwards & Haime, 1848 e Dendrophyllia cornigera (Lamarck, 1816), madreporari tipici di substrati duri dello stadio batiale. L’olotipo (6.1 x 2.9 mm) è depositato nella collezione del Laboratorio di Malacologia del Museo di Zoologia di Bologna al n. MZB29748; i restanti tre paratipi sono conservati nella collezione privata Smriglio-Mariottini (Rome, Italy). La specie è conosciuta solo dalla località tipo.

Mathilda letei Prkic & Smriglio, 2007
La specie è stata descritta analizzando un buon gruppo di esemplari, fra i quali alcuni provvisti di parti molli; 10 provenienti dall’Isola di Mljet, Croatia, 42°41'N 17°30'E, Mare di Adriatico Meridionale, 60-90 m di profondità, fondali a Corallium rubrum (Linnaeus, 1758), che quindi ne rappresentano l’habitat.
Un individuo proveniente dal Mar Tirreno Centrale (41°51'N 11°28'E, costa laziale), trovato in un campione di sedimento dragato su un banco coralli bianchi (biocenosi CB, sensu Pérès & Picard, 1964) ad una profondità compresa fra 450 e 600 m; un altro esemplare è stato ritrovato in sedimenti provenienti dal Mar Tirreno Settentrionale, nei pressi dell’Isola di Gorgona (Arcipelago toscano), prelevati ad una profondità di 300-450 m.
L’olotipo (6.4 x 2.6 mm) è conservato nel Laboratorio di Malacologia del Museo di Zoologia di Bologna al n. MZB29749; i restanti paratipi sono conservati in varie collezioni private europee.

Mathilda sp.
Un unico esemplare (9.9 x 4.6 mm) di una specie sconosciuta di Mathildidae è stato rinvenuto nello stesso sedimento nel quale è stato reperito il materiale tipico di M. bieleri; Mar Tirreno Centrale, coste laziali (41°51'N 11°28'E), banchi di coralli bianchi (biocenosi CB, sensu Pérès & Picard, 1964) alla stessa profondità di 450-600 m. Il nicchio, benché privo di parti molli era in buono stato di freschezza, ma, benché la scultura mostrasse una totale difformità sia con le due specie da poco descritte, sia con le altre specie conosciute per il bacino mediterraneo, non è stato possibile nominarlo in quanto reputato materiale insufficiente per la creazione di un nuovo taxon.
Tuttavia Mathilda sp. si considera specie simpatrica di M. bieleri, in quanto proveniente da un fondale con le stesse caratteristiche di reperimento di quest’ultima.

BIBLIOGRAFIA
BIELER, R., 1992. Gastropod phylogeny and systematics. – Annual Review of Ecology and Systematics, 23 : 311-338.
BIELER, R., 1995. Mathildidae from New Caledonia and the Loyalty Islands (Gastropoda: Heterobranchia). – In: P. Bouchet (ed.), Résultats des Campagnes MUSORSTORM, Volume 14. Mémoires du Muséum national d’Histoire naturelle, Paris, 156: 27-32.
BOURY, E., DE, 1883. Description d’espèces nouvelles de Mathilda du Bassin de Paris et révision du genre. – Journal de Conchyliologie, 23 (2) : 110-153.
CLEMAM, Check List of European Marine Mollusca, Gofas & Le Renard (eds), home page http://www.mnhn.fr/base/malaco/html.
DALL, W.H., 1889. Reports on the results of dredging, under the supervision of Alexander Agassiz, in the Gulf of Mexico (1877-78) and in the Caribbean Sea (1879-80), by the U. S. Coast Survey Steamer “Blake” , Lieut.-Commander C.D. Sigsbee, U.S.N., and Commander J.R. Bartlett, U.S.N., commanding. XXIX. Report on the Mollusca. Part II. Gastropoda and Scaphopoda. –Bulletin of the Museum of Comparative Zoology, Harvard College, 18: 1-492.
FERNANDES, F., & E. ROLAN, 1994. Check-list of the amphiatlantic Mollusca based on a revision of the literature Reseñas Malacológicas VIII. – Sociedad Española de Malacología, Madrid, 1-36.
HASZPRUNAR, G., 1988. On the origin and evolution of major gastropod groups, with special reference to the Streptoneura. – Journal of Molluscan Studies 54: 367-441.
OLIVERIO, M., & I. NOFRONI, 1986. Sistematica e zoogeografia della "quinta" Mathilda del Mediterraneo: Mathilda gemmulata Semper, 1865 (Allogastropoda). – Notiziario CISMA, Roma VII-VIII: 21-26,
OLIVERIO, M., & I. NOFRONI, 1988. Su Mathilda gemmulata Semper, 1865 = Mathilda barbadensis sensu Warmke & Abbott, non Dall. (Mathildidae: Allogastropoda). – Notiziario CISMA, Roma XI: 3-35.
PÉRÈS, J.M., & J. PICARD, 1964. Nouveau Manuel de Bionomie Benthique de la Mer Méditerranée. – Rec. Trav. Staz. Mar. Endoume 31 (47): 1-137.
ROCCHINI, R., 2004. Prima segnalazione di Mathilda barbadensis Dall, 1889, in Mediterraneo (Heterostropha, Mathildidae). – Bollettino Malacologico 39 (5-8) [2003]: 105-106.

 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Studio FBK sul virus Zika pubblicato dalla rivista internazionale PNAS

Studio FBK sul virus Zika pubblicato...

2017-04-26 10:16:07

Così la materia soffice ‘si rilassa’

Così la materia soffice ‘si...

2017-04-26 10:34:09

Orbita a rischio febbre

Orbita a rischio febbre

2017-04-21 12:00:00

Ionosfera col segno meno

Ionosfera col segno meno

2017-04-19 07:28:04

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information