Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Scienze Naturali Zoologia Zanzare: si possono prevenire le punture?

Zanzare: si possono prevenire le punture?

E-mail Stampa
(2 voti, media 4.00 di 5)

Fra poco sarà primavera, la stagione in cui la Natura, con l’aiuto della luce e del tepore del sole, si risveglia. Le giornate saranno più lunghe e, dopo il letargo invernale, germoglieranno i bulbi fioriti, le foglie torneranno sui rami, i giardini si riempiranno di colori e gli orti di sapori. Uscendo dalle comode tane in cui si sono protette dal freddo, si riaffacceranno all’aperto anche molte creature, e torneranno a farsi vivi gli insetti, tra i quali, purtroppo, anche le fastidiose zanzare.

Superfluo dire che sono utili anch’esse (sono fonte di sopravvivenza per altre specie), perché l’antipatia nei loro confronti è totale e generale. Per difendersi dalle loro punture si è infatti disposti ad usare, sia sul corpo che nell’ambiente, prodotti chimici repellenti e insetticidi che, come ora sta avvisando la scienza: http://www.isprambiente.gov.it/files/pubblicazioni/quaderni/ambiente-societa/Quad_AS_10_15_ProfilassiAntiZanzare.pdf fanno più male alla salute di qualche ponfo provocato da questi insetti.

Ma la bella notizia è che sì, le punture di ogni specie di zanzara e di altri fastidiosi insetti possono essere prevenute. La Dr.ssa Laura Cavalli farmacista, e l’erborista Miriam Baroni, di Zea Centro Studi, ci hanno rivelato come farlo, suggerendoci alcuni efficaci ed economici metodi naturali:

 

Come prevenire le punture di zanzara con metodi naturali

Le punture di zanzara possono essere prevenute con l'aiuto di alcune piante officinali sia per uso interno che in applicazione esterna. Sembra che sia stato finalmente svelato il motivo che induce le zanzare ad accanirsi nei confronti di alcune persone rispetto ad altre. E' stato realizzato un accurato studio, da un'Università della Florida, in cui, analizzando 4.000 sostanze diverse, sia naturali che sintetiche, si è cercato di capire i motivi per cui una persona può essere particolarmente attraente per le zanzare.

Sembra che questi insetti siano attratti da fonti  ricche di alcune vitamine del gruppoB, colesterolo, acido urico, acido lattico e di acidi grassi come l'acido stearico (componente di alcuni cosmetici). Nello studio si è evidenziato anche che sono più a rischio di puntura i pazienti con problemi cardiocircolatori che. per esempio, assumono farmaci per la pressione del sangue, e persone che hanno appena terminato di consumare bevande alcoliche o di mangiare carne rossa. E' stato anche dimostrato che la chimica del corpo di una persona può cambiare nel corso del tempo e di conseguenza anche l'attrazione per le zanzare.

Rimedi per uso interno per allontanare le zanzare

Ledum palustre - L'estratto di questa pianta, è un rimedio omeopatico disponibile in globuli di diverse concentrazioni. L'assunzione orale di Ledum palustre rende l'odore del proprio sudore sgradevole ai sensibili recettori delle zanzare rendendolo un repellente naturale.

Il Ledum Palustre deve essere assunto con costanza ed i primi effetti si vedono a distanza di qualche giorno. L'assunzione deve avvenire a stomaco vuoto, i globuli non devono essere toccati con le mani e sono da sciogliere sotto la lingua. E' importante continuare ad assumerlo per tutto il periodo in cui si vuole essere protetti dalle zanzare.

E’ disponibile in commercio in concentrazioni che vanno dai 3CH ai 200CH.

Le dosi consigliate sono le seguenti:

5CH-9CH, 3 granuli alla volta per 3-4 volte al giorno

E’ importante iniziare la cura nei primi periodi di avvistamento delle zanzare e fino a quando gli insetti smettono di proliferare.

E’ un rimedio efficace, ma poiché non tutti gli individui sudano allo stesso modo, la reazione dipende dal metabolismo personale.

Può essere assunto anche dai bambini dai 3 anni, in poi. Per le dosi sarà opportuno consultare un medico o pediatra che conosca l’omeopatia.

Integratori di vitamina B - Non assumiamo integratori che contengono tutte le vitamine del gruppo B che potrebbero avere addirittura l’effetto opposto, ma scegliamo integratori che contengano solo Vitamina B1 (tiamina), Vit. B6 (piridossina). Sembra infatti che le vitamine B1 e B6 aiutino a scacciare le zanzare, a causa della produzione di un particolare odore attraverso il sudore. Lo stesso risultato si può ottenere con agrumi e vitamina C.

Lievito di Birra - Sembra che l'assunzione del lievito di birra (pastiglie o scaglie) sia in grado di emanare tramite il corpo un odore molto fastidioso per le zanzare, ma assolutamente impercettibile dall'essere umano. Questo infatti è una fonte naturale di vitamina B1

Rimedi per uso esterno

Gli insetti sono particolarmente sensibili alle molecole aromatiche perché comunicano essenzialmente tramite messaggi chimici. Alcune piante producono oli essenziali insetto-repellenti e persino insetticidi, capaci di disturbare il loro sistema nervoso o i loro processi enzimatici. Possiamo usare gli olii essenziali di queste piante al fine di proteggere anche noi dai piccoli animali assetati del nostro sangue, diffondendoli nell’ambiente o spalmandoli sul nostro corpo.

Negli ultimi decenni i ricercatori dell’aromaterapia hanno dimostrato che l’efficacia delle essenze non si limita ad allontanare gli insetti, alcuni olii essenziali possono neutralizzare i loro veleni per combinazione molecolare e uccidere i virus e i microbi che trasportano.

L’essenza singola che possiede tutte queste proprietà è la Lavanda, altri oli essenziali in miscela rinforzano il suo potere repellente.

Il geranio possiede inoltre importanti proprietà anti-infiammatorie ed anti-allergiche (cortisone simile), utile quindi per il dopo puntura.

Come usare gli oli essenziali per difendersi dalle zanzare

Una o due gocce di Cedro, Citronella, Lavanda e Tea Tree (nella miscela che preferite o singolarmente) possono essere applicate nei punti del corpo dove pulsa il battito, come l'interno dei polsi, la parte posteriore di orecchie e ginocchia.  Se non gradite gli oli essenziali potete strofinare sulla pelle foglie di Artemisia, Lavanda o Rosmarino.

Se volete invece spalmare le parti del corpo scoperte dovrete miscelare da 2 a 5 gocce di oli essenziali in un po’ di olio vegetale (girasole, mandorle dolci, jojoba…), gli oli essenziali infatti in grande quantità sono irritanti mentre diluiti mantengono il loro effetto e sono ben tollerati sulla cute.

Per allontanare le zanzare dall’ambiente versare poche gocce di oli essenziali da scegliere tra Citronella, Eucalyptus, Geranio, Lavanda, Rosmarino o Tea Tree, in un diffusore per essenze. La sera vi consigliamo di mettere qualche goccia di olio di Citronella su candele a base larga.

Si può anche produrre uno spray casalingo da utilizzare nelle stanze: mescolare circa 30 gocce di oli essenziali (in totale) in acqua, versare il liquido in un vaporizzatore spray, agitare bene per formare un’emulsione, e spruzzare vicino alle finestre e sopra i letti.

Per primo soccorso, sulle punture di zanzare, applicare una goccia di olio essenziale di Geranio sulla puntura.

Avvertenze: Evitare il contatto di oli essenziali con gli occhi e le mucose, se ciò dovesse accadere, lavare immediatamente con olio da cucina, NON CON L’ACQUA. Tenere lontano dalla portata dei bambini.

 

Alimentazione

 

Le zanzare vengono attratte da alcune sostanze emesse dal nostro corpo tra cui il sudore e l'anidride carbonica che emettiamo con la respirazione. Pare che mangiare aglio o cipolla crudi permetta al nostro organismo di emettere sostanze solforate in grado di coprire l'odore dell'anidride carbonica, rendendo così il nostro corpo impercettibile alle zanzare.

E' sicuramente meglio evitare di assumere grandi quantità di zuccheri, alcol, frutta tropicale e succhi di frutta (solitamente questi contengono molto zucchero) quando si è in luoghi all’aperto perché i metaboliti di questi cibi potrebbero avere lo spiacevole inconveniente di attrarre le zanzare.

Regole generali

Per l’abbigliamento:

  • è importante prediligere i colori chiari, che attraggono meno le zanzare (il giallo, in particolare, è il più repellente)

  • Indossare camicie a maniche lunghe e pantaloni

  • limitare al massimo i profumi, le lacche per capelli e le creme per viso e corpo, i cui profumi attirano le attirano.

Per i bambini più piccoli:

  • dotare le culle e le carrozzine di zanzariere

  • vestirli con tutine lunghe e leggere, in modo che non sudino, perché il sudore attira le zanzare

  • cambiare spesso il pannolino, perché anche l’odore della pipì rappresenta una grossa attrattiva per questi insetti

OLIO di NEEM

Un rimedio atossico per l’uomo, le piante e gli animali è l’OLIO di NEEM, un millenario insetticida naturale che ha cominciato ad essere usato anche da noi rivelandosi efficace nella lotta alle zanzare, sia come larvicida, sia come repellente, perché gli insetti non ne sopportano l’odore. Usandolo, avremo il duplice vantaggio di tenere lontane le zanzare e non dover subire gli spiacevoli effetti collaterali dei prodotti chimici.

SPRUZZATO: Miscelato con acqua, in rapporto mediamente di 1:100 (1 litro olio e 99 litri acqua) può essere nebulizzato (a basso volume e a sole calato, in quanto fotosensibile) sui luoghi in cui si soggiorna all ’aperto, al chiuso, e su persone, animali.

Per un metodo casalingo: diluire poche gocce di olio di Neem in 1 litro di acqua tiepida o in acqua a temperatura ambiente alla quale andrà aggiunta una scaglia di sapone di Marsiglia (per scioglierlo) e irrorare con un piccolo spruzzatore a mano.

VAPORIZZATO: Alcune gocce possono essere messe negli appositi diffusori elettrici da interni o in quelli con le candeline sotto. Il suo odore si spargerà nell’ambiente e terrà lontane sia le zanzare, che altre specie di insetti,

SPALMATO: Per proteggere meglio i bambini, gli animali domestici e le persone più sensibili, aggiungere qualche goccia di olio di Neem a un olio vegetale o ad una crema neutra, e spalmare sulle parti scoperte del corpo.

LARVICIDA: Qualche goccia di olio di Neem in acqua stagnante (sottovasi, vasi con fiori, grondaie, piccoli depositi non copribili, ecc.) impedirà alle larve di zanzara di raggiungere il pieno sviluppo.

 

Fonti:
www.infozanzare.info Pagina RIMEDI

Laura Cavalli e Miriam Baroni
www.zeauniverse.com

 

Guido Donati

 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information