Breaking News:
  • Registrati

Scienzaonline

Home Astronomia Esplorazione dello Spazio Ben ritrovato, Philae

Ben ritrovato, Philae

(1 voto, media 4.00 di 5)

Dopo l’impresa dello sbarco sulla cometa 67P Churyumov Gerasimenko lo scorso 11 novembre, si era addormentato: dal 15 novembre era entrato in uno stato di ibernazione.
Ora, dopo sette mesi di letargo, si è risvegliato e ha iniziato a inviare a Terra pacchetti di dati: continua così la straordinaria avventura del lander Philae, che continua ancora a sorprendere.

 

Il piccolo robot Philae della missione Rosetta è riuscito a risvegliarsi e ha ripreso ad inviare alla sonda Rosetta pacchetti di dati perché la temperatura sulla cometa è aumentata.
Philae è programmato per funzionare dalla temperatura da meno 45 gradi in su, ma ha funzionato già da meno 36 gradi perché ora la cometa è più vicina al Sole e l'illuminazione dei pannelli solari di Philae è sufficiente per alimentare le batterie del lander.
Philae ha dialogato per 85 secondi con il team di scienziati dell'Agenzia Spaziale Europea a Darmstadt, in Germania, alle 22:28 del 13 giugno, inviando pacchetti di dati che suggeriscono che il piccolo lander sia attivo già da tempo.
Gli scienziati hanno poi atteso il contatto successivo, per aspettare gli 8000 pacchetti di dati ancora nella memoria del lander che possono spiegare cosa sia successo sulla superficie della cometa, la prima mai raggiunta dall'Uomo grazie alla missione Rosetta.  

E dopo qualche giorno di silenzio, Philae non ha deluso le aspettative. Due giorni dopo è tornata a farsi sentire e venerdì ha inviato 185 pacchetti di dati tra le 15,20 e le 15,39 italiane. Michael Maibaum, ingegnere del Contro di controllo del lander a Colonia ha spiegato che ora il robot opera
a zero gradi centigradi e la batteria è sufficientemente calda per immagazzinare energia. Philae quindi potrà funzionare anche durante la notte della cometa. Inoltre è aumentato il periodo di insolazione. "Sono illuminati altri pannelli solari, alla fine del contatto quattro pannelli ricevevano energia.

Il contatto ha confermato che Philae sta molto bene" ha detto Maibaum. L'ultimo contatto è stato di ben 19 minuti, il terzo da quando il robot è atterrato sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko il 12 novembre, dopo aver viaggiato a bordo della sonda madre Rosetta. La missione Rosetta mira a svelare i segreti delle comete, ammassi di polvere e ghiaccio che secondo gli scienziati sono all'origine della formazione del sistema solare.

 

Non hai i permessi per commentare

VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

LAVORI IN CORSO

LAVORI IN CORSO - Nuovo sistema di gestione in collaudo
VI PREGHIAMO DI SCUSARCI PER I DISAGI
STIAMO IMPORTANDO IL DATABASE DI
TUTTI GLI ARTICOLI DI SCIENZAONLINE
DAL 2003 AD OGGI

SCIENZAONLINE.COM

  • Ultime News
  • News + lette
Il Grafene, il nano-materiale che migliorerà la nostra vita

Il Grafene, il nano-materiale che...

2010-11-23 00:00:00

Musicolor

Musicolor

2009-02-18 00:00:00

I Della Robbia e la storia della terracotta invetriata

I Della Robbia e la storia della...

2009-03-18 00:00:00

Giovanni Papi - Prata Caelestia

Giovanni Papi - Prata Caelestia

2009-11-17 00:00:00

Autorizzazioni

 

Scienzaonline con sottotitolo Sciencenew 
Periodico
Autorizzazioni del Tribunale di Roma – diffusioni:
telematica quotidiana 229/2006 del 08/06/2006
mensile per mezzo stampa 293/2003 del 07/07/2003
Pubblicato a Roma – Via A. De Viti de Marco, 50 – Direttore Responsabile Guido Donati

 

Hot Topic

Ultimi Commenti

X

.

Pubblica il tuo Articolo

Hai scritto un Articolo scientifico? Inviaci il tuo articolo, verrà valutato e pubblicato se ritenuto valido! Fai conoscere la tua ricerca su Scienzaonline.com!

Ogni mese la nostra rivista è letta da + di 50'000 persone

Information

Information

Ultime News

Redazione

Contatta la Redazione di Scienzaonline.com per informazioni riguardanti la rivista
Pagina Contatti

Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information